Bonner Online-Bibliographie zur Comicforschung

WIKINDX Resources

Alfatti Appetiti, Roberto: I fumetti che hanno fatto l’Italia. Breve storia dei comics nel Bel Paese. (Saggistica.) Cesena: Giubilei Regnani, 2014. (167 S.) 
Added by: joachim (29 Jun 2017 09:03:39 UTC)   
Resource type: Book
Languages: italienisch
ID no. (ISBN etc.): 978-88-98620-12-8
BibTeX citation key: AlfattiAppetiti2014
Email resource to friend
View all bibliographic details
Categories: General
Keywords: Historischer Überblick, Italien
Creators: Alfatti Appetiti
Publisher: Giubilei Regnani (Cesena)
Views: 8/40
Views index: 9%
Popularity index: 2.25%
Attachments  
Abstract
Hanno incendiato le anime, condizionato il costume e annunciato rivoluzioni. Altro che armi di distrazione di massa, i fumetti hanno fatto la nostra storia accompagnando i mutamenti della società. Dagli eroi in camicia nera al fumetto erotico, primaria fonte di alfabetizzazione sessuale dei giovani italiani, dagli impresentabili personaggi col kappa, sessantottini ante litteram, ai bad boys di Pazienza, le nuvole parlanti hanno interpretato il Novecento più efficacemente di tanti saggi dal retrogusto pedagogico. Che si trattasse di Topolino, acclamato divo a stelle e strisce, o del topo di fogna di Jack Marchal, i fumetti sono stati a lungo osteggiati dalla critica militante e dai sacerdoti delle ideologie ma ora concorrono persino a prestigiosi premi letterari mentre i supereroi trionfano sul grande schermo. Valeva la pena, tuttavia, che la nona arte rinunciasse al gusto della provocazione per entrare nel salotto buono della cultura? Se amate coltivare dubbi, questo libro ha qualcosa da dirvi.

Indice

Introduzione (7)

Tutto iniziò con il Corriere dei Piccoli, Rubino e i fumetti in camicia nera (13)
Jumbo, Il Vittorioso e L’Avventuroso: arriva il fumetto d’avventura! (19)
Sor Pampurio, il borghese rimosso (25)
Dalle pin-up di Boccasile all’epopea del fumetto erotico (29)
Come Tex nessuno mai (35)
Miki, il capitano degli eroi adolescenti (41)
Bassotti vs zio Paperone, una lezione contro il manicheismo (47)
Diabolik, il primo nero di successo (53)
Gli anni Sessanta tra LinusEureka, Jac e i Peanuts (59)
Il Sessantotto? Un’invenzione di Satanik (65)
Quando Ken Parker e Mafalda, come Nietzsche e Marx, si davano la mano (69)
Fantômas o Fantomax? (75)
Il Sessantotto dei cuori neri con il topo di Jack Marchal (81)
Il Porcone di Reiser, un Bukowski a fumetti ante litteram (87)
Gli anni di piombo, dal Commissario Spada all’assassinio di Alceste Campanile (93)
Ranxerox, un pugno nello stomaco dei benpensanti (99)
Settanta e Ottanta, gli anni Paz del fumetto italiano (105)
Frank Frazetta e que i posterche alimentarono ni sogni rivoluzionari (111)
Graphic novel: il primo fu Art Spiegelman (117)
L’altro 1981: l’urlo silenzioso di Martin Mystère (123)
Tangentopoli, tutto iniziò con Paolino Paperino (127)
La terza via dei Puffi: né forzisti né compagni (133)
Lanterna Verde, legalitario ma non leghista (137)
Tintin, l’avventuriero borghese (143)
Da Capitan America a The Fixer, l’interventismo politico nei fumetti (149)
Quando le nuvole parlanti saldano il conto della storia (155)

Ciao Sergio. Una breve nota personale. (161)

Bibliografia essenziale (165)


  
wikindx 5.2.beta 1 ©2017 | Total resources: 10890 | Username: -- | Bibliography: WIKINDX Master Bibliography | Style: Comicforschung-Bibliographie Stil (CFB) | Database queries: 49 | DB execution: 0.32001 secs | Script execution: 0.33701 secs